UBER

Pubblicato: giugno 1, 2009 in Uncategorized
  Dal latino Uber, eris: Abbondante, pieno, ricco di, ubertoso, rigoglioso, eloquente / Mammella, poppa, fecondità.
L’associazione Uber nasce con l’obiettivo di fare incontrare l’intervento psico-sociale con il mondo delle arti e della formazione. In quest’ottica si occupa di progettazione,  dello sviluppo e del coordinamento di programmi, servizi specifici, corsi, workshop, ideati in vista:
– dell’apprendimento di competenze in rapporto a una motivazione vicina al diletto creativo, alla vocazione artistica e professionale di ciascun partecipante.
– dell’acquisizione, del recupero di abilità specifiche ove presenti disturbi cognitivo-comportamentali, difficoltà, disagio socio-psicologici.
Gli strumenti utilizzati: il teatro sociale, la manualità, la multimedialità e le diverse forme espressive che stimolano pensiero e azione.
Uber sostiene la prospettiva pedagogica dell’arte come valore positivo di spendibilità esperenziale, lavorativa, critica. Collabora con istituti scolastici ed enti che a vario titolo operano in ambito socio-educativo, socio-sanitario e culturale, occupandosi di articolare percorsi didattici teorico-pratici e dell’organizzazione di eventi. Particolare attenzione è rivolta al favorire il benessere individuale e collettivo, attraverso la stimolazione e l’attivazione di processi di auto-promozione della comunità, il confronto con le istituzioni del territorio e lo sviluppo della capacità soggettiva e di gruppo  di assumere responsabilità in accordo con le personali e relazionali potenzialità, nell’unità e nella scissione delle esperienze emotive, corporee, intellettive.
Tra i progetti e le collaborazioni
Con il Comune di Catania:
– Progetto “Lumìa”. Progetto sulla non violenza. Formazione di operatori socio-assistenziali ed educativa territoriale.
Progetto “Istantanea”. Laboratori di Fotolinguaggio in alcuni istituti scolastici del territorio e organizzazione del ‘Concorso / Festival internazionale della Fotografia Istantanea’, mostre personali di fotografi e video-artisti, collettiva di polaroid in concorso.
Con la Provincia Regionale di Catania:
– Progetto “di Ruolo”. Laboratori di realizzazione cortometraggi in scuole superiori di secondo grado – Organizzazione del concorso / festival di cortometraggi ‘di Ruolo’ con due sezioni, una dedicata alla categoria scolastica e una agli over 18.
Corsi e workshop: Disegno e Pittura – Ceramica Raku – Scrittura narrativa – Cartapesta – Fotografia – Fiaba per bambini – Teatro sociale – Chitarra – Ripresa e Montaggio video – Documentario – Fotografia e arteterapia – Teatro delle diversità – Home recording – Graphic Novel, tenuti da formatori artisti e professionisti.
Gig  2012′  –  Rassegna di live-concert di musica inedita, svolta presso il Glamour di Catania, ha visto la partecipazione di artisti e progetti locali, nazionali e internazionali.
‘Uber Addicted’, progetto di house concept, luogo fisico e concettuale dedito ad esposizioni fotografiche, pittoriche, installative, teatro d’appartamento, performance da camera, house concert, incontri informali con artisti e loro visioni. Momenti di sperimentazione partecipata, svolti nell’ospitale salotto privato dell’associazione Uber. Il progetto è nato come pensiero ed azione di conoscenza, scambio, ritrovo, condivisione, confronto fra artisti, operatori culturali, fruitori d’arte.
Rigenera Festival 2013′ organizzato da Uber e Salvo Dub, ha ospitato musicisti locali e guest nazionali – internazionali. Aggregazione, arte, cultura, società, attivismo, ecosostenibilità,  in un contesto naturale e a misura d’uomo. Un grande palcoscenico dedito alla promozione di uno stile di vita responsabile. Rigenera è un programma d’azione legato alla sensibilizzazione della collettività verso l’ecologia, verso uno stile di vita consapevole, positivo, in rapporto all’educazione ambientale. Concerti, area dj set, sezione arti visive,  workshop, aree ludico ricreative, zona ristorazione, bar, mercatino bio, stand di artigianato artistico, banchetti merchandising per band, campetto volley e calcetto. Il concorso La bici più bella’.
‘1789 Opera Commons’ è un progetto di autorganizzazione dal basso che prende vita in occasione del primo evento artistico – culturale creato in data 23/06/2013, con Uber, Teatro Coppola, L’Arsenale, Teatro Pinelli. Il progetto continua a svilupparsi in connessione a pratiche di sostenibilità sociale, ambientale ed economica. Un’antica dimora di famiglia che si fa dimora comune. Stanze di visioni, parole, musiche, teatro, cucina, installazioni. Memorie. Aperte l’una sull’altra. Una casa disabitata, sita ad Aci Bonaccorsi, che si apre e si lascia attraversare, rivisitare, reinventare, dai tanti fili delle memorie personali che si fanno rappresentazione di una memoria che vuole essere comune. Questo il tema del primo appuntamento che ha caratterizzato e definito l’azione performativa degli artisti e dei creativi coinvolti. La memoria privata di una famiglia, di un luogo, che si apre a quella pubblica, individuale, collettiva, per riproporla nelle forme dell’arte, nel racconto contestuale che plasma nuova anima, nuovo sentire, nuovo produrre.

 

 

Uber procede nella folle ma sempre appassionata impresa di sostenere e promuovere la musica dal vivo in Sicilia. Nell’ambito del progetto in progress Opera Commons, la rassegna, che ne prende il nome, avrà inizio venerdì 28 novembre 2014 con G-Fast, one man band da Milano.

 

Grafica Dicembre Stampa

 

 

21 GIUGNO 2014
Via Pauloti 62 – Aci Bonaccorsi, Catania
 
Dalle h 19.00
Installazioni: Rudere Project – Carne – VladyArt – Francesco Costantino Videomapping: Vj Kar / Classe di workshop Videomapping Interactivity. Hackspace Catania Live Music and Dj set: Claudio Palumbo & Ragionier Zivago – Peppe Schillaci – Fabio Longo – Tezuma & Kint Food & Beverage: MyPersonal
Media Partner: Meedori – Resilienze – Rigenera Press

Lcandina Nuovissima

Rudere Project nasce dall’incontro di ‘Detto Fatto’ e ‘Chrome Surgery’, due collettivi di architetti ed artisti aventi natale nell’agrigentino. Il progetto prevede un lavoro di recupero e valorizzazione di edifici abbandonati o trascurati mediante un approccio permeato da: condensazione di saperi tecnici e creativi, gusto per la sperimentazione e tensione verso un processo di rigenerazione urbana basato sull’innovazione e sulla stimolazione di network socio-culturali.
Dove carenti le spinte, le risorse umane ed economiche in un apparato pubblico fatiscente, possiamo attingere alla strutturazione di forze nuove e integrate, capaci di raccontare antiche favole in chiave moderna. Abbiamo bisogno dell’intelligenza e della poesia per ricordarci da dove veniamo, per scoprire chi siamo, cosa vogliamo essere, come vogliamo comportarci, quanto possiamo mutare.
I luoghi che viviamo hanno forme ed esigenze composite, con bisogni specifici e spesso insondati, perché sfuggiti al nostro rispetto, alle nostre scelte, all’ascolto, al dialogo. Risvegliare l’attenzione e l’azione sulla capacità delle diverse professioni e cittadinanze di intervenire a sostegno del nostro background e della nostra espressività, è un percorso dovuto ed entusiasmante, proteso a nutrire il nostro modo di vivere in sintonia con gli spazi nei quali è giusto riconoscerci e ritrovarci a nostro agio.
Rudere Project opera attraverso il coinvolgimento di artisti e performers, organizzando e coordinando eventi che sugellano esperienze definibili come di ‘educativa territoriale’, perché superano le finalità estetico-emotive delle produzioni site specific, per raggiungere una dimensione più ampia di scuotimento delle percezioni, della conoscenza e delle dinamiche organizzative comunitarie. Felice ed emblematica in tal senso la collaborazione che tesse con la ‘Farm Cultural Park’ di Favara. Da queste bellezza e importanza in liberazione, l’associazione ‘Uber’ di Catania ha colto il pretesto per l’approfondimento dell’avviato processo di recupero di una dimora agreste in disuso, sita ad Aci Bonaccorsi, pensato per un’estensione delle attività associative in quel luogo inutilizzato, invitando Rudere a sviluppare un pensiero-appuntamento sulle suggestioni  già evocate, respirate e rimaste accese nella storia della casa, in occasione dell’evento ‘1789 Opera Commons’, messo a punto con il Teatro Coppola di Catania, il Teatro Pinelli di Messina e L’Arsenale Sicilia, nel mese di giugno del 2013. L’antico casale di Aci Bonaccorsi in stato di simil-abbandono, è stato ricalcato  nel suo profilo contingente attraverso una rivisitazione da parte degli artisti/creativi in chiave personalistica e al tempo stesso condivisa, intorno al tema della memoria. L’esperimento ha ottenuto risultati favorevoli. Florido nei passaggi intrinseci e speciale nel suo contestuale atto comunicativo, recante in sé una mossa esplicita, estrinsecazione di autorganizzazione ‘politica’ dell’arte e della cultura, si è realizzato l’innesto di sinergie tra artisti e partecipanti esterni, nella promettente immersione in quello che ha costituito la prima fase di una ricerca-produzione in progress. È facile intuire come il procedere artistico e la rivitalizzazione di un edificio in disuso prendano nutrimento da un’urgenza comune, da un’eguale vocazione legata ad ambiti di desiderio, studio, richiamo onirico, esaltazione mnemonica, creazione, risoluzione di un problema-trauma, trasformazione.
Una casa antica è portatrice di storie, di segni, di energie. Un luogo è uno spazio della mente, dello sguardo, di epoche, di caratteri, di maniere. Una casa che ha perso la sua originaria funzione abitativa, diventando lo spazio del perduto, è il luogo percorribile e ripercorribile da ogni forma di riflessione, tatto, ascolto, visione, plasmabile all’infinito, in rapporto a tutto ciò che di materiale, umano e spirituale entra in suo contatto. A richiamarne i tratti del tempo trascorso, il calore dell’accoglienza, il rigore dell’esperienza, del vissuto. La forza della sua personalità solida e mutante. In connessione all’ambiente entro cui è incastonata e che contribuisce a rappresentare e a superare, nel gioco dei cambiamenti, delle differenze e delle armonie di cui si fa testimone e fautrice. 
Sarà compito di Rudere, animare, con la sua significativa identità stilistica e concettuale, un ulteriore fondamentale passo verso la definizione del centro polifunzionale in progetto, anche a sostegno dell’infelice sopravvenuta notizia di esproprio riguardante parte del vitigno-frutteto appartenente alla casa settecentesca in questione, considerata insieme al terreno circostante ‘zona storica’ di Aci Bonaccorsi. ‘Deprivabile’ in vista della realizzazione di un parcheggio. ‘Ai posteri l’ardua sentenza’ recita una frase celebre. Solo che a noi piace pensare che se di gloria è giusto parlare è ‘hic et nunc’, perché i migliori giudizi riteniamo provengano dalle nostre coscienze. Dalle loro passioni. Dalla loro storia. Dal coraggio della loro tutela.

 

 

 

1 GIUGNO 2014 Lido Nettuno – Viale Kennedy 39, Playa di Catania

 

Rigenera Locandina 2014

Immagine di copertina

25 APRILE 2014 Parco Gioieni, dalle h 10.00 – Ingresso gratuito

Uber e Rigenera Press parteciperanno al Catania Bike Festival. Cultura ciclistica, aggregazione, ecosostenibilità. In occasione del Catania Bike Festival sarà presentato il numero 0 di Rigenera Press, bimestrale in carta riciclata avente come argomento focale l’ecosostenibilità e le sue connessioni socio-ambientali. 

Non è una fiera, non è una competizione, è una festa popolare dedicata alle famiglie, ai ciclisti (e non) di tutte le età e passioni. Adatta a tutti gli stili con molteplici attività: pedalate organizzate, iniziative per i bambini, test bike, area espositiva, incontri e seminari, mercatino dell’usato e vintage, spettacoli funambolici, adrenalina, cultura, relax, innovazione ed ecologia. Ride di spin-bike, corsi sulla sicurezza stradale in bici e avviamento alla bmx dal 25 al 27 aprile 2014. Una location incantevole. Un lungo weekend primaverile di fine aprile.

Catania Bike Festival

 

 

 

1 MAGGIO 2014 Afrobar – Via Presidente Kennedy, 47, Catania. Dalle h 10.00

In occasione del One Day Music del primo maggio 2014 sarà presentato il numero 0 di Rigenera Press, pubblicazione in carta riciclata avente come argomento focale l’ecosostenibilità e le sue connessioni socio-ambientali. Ideata e prodotta dal musicista Salvo Dub e dall’associazione Uber di Catania, Rigenera Press rappresenta un’ulteriore dimensione tematica d’approfondimento teorico e azione che prendendo le mosse da Rigenera Festival, intende rinforzare l’obiettivo di sensibilizzazione rivolto allo sviluppo territoriale, mediante la trattazione di più linguaggi interdisciplinari: architettura, innovazione, eco design, denuncia, problem solving, artigianato, commercio, green economy, cucina, turismo, formazione, ricerca, arte, cultura e società, nelle sue diverse vesti.
Rigenera Press vuole dare voce al fermento in corso, ampliando lo spazio per un’informazione laica e uno scambio pluriprospettico; intende rispondere alla necessità di un punto di riferimento costantemente aggiornato e condiviso, attivo e propositivo in modalità aperta e dinamica, che funga da collante nel campo della comunicazione, della progettazione e del mutamento ‘glocale’, tramite ciò che oggi appare come l’urgenza più prossima alla base di ogni politica interventistica, ovvero l’attenzione, la conoscenza, la pratica, legate all’ecosostenibilità, in tutte le sue forme ed espressioni.


Interverranno per Rigenera Press: 

Danser Le Vent, Annalusi Rapicavoli – Workshop di danza acrobatica aerea. 

Scuola popolare Sambazita di Catania – Performance percussiva.

Luca Lombardo, pittore, illustratore – ‘Mrs Wood’, serie di quadri realizzati con il legno. 

Zazzamita Art – Ilustrazione virale, performing live sketch.

 One Day Music - Afrobar

 

 

 

È possibile sostenere la partecipazione di Uber al bando Edison Start. Si può votare entro il 30 Marzo 2014 per il progetto Opera Commons.

Immagine Edison start definitiva

 

Creazione di un centro polifunzionale presso un’antica dimora di famiglia ad Aci Bonaccorsi. Ricerca – Formazione – Residenze artistiche / Produzione culturale. Informazione – Agricoltura sociale – Attività socio-educative – Eventi.
A seguire il link di riferimento per votare: http://www.edisonstart.it/idee/opera-commons
Cliccare prima sulla scritta Opera Commons, successivamente  sul cuoricino con accanto scritto ‘vota’, verrà richiesta una rapida iscrizione.

 

 

 

 

 

Per ricevere le news sulle attività di Uber inviare una mail  con oggetto “newsletter” all’indirizzo:
uberassociazione@gmail.com
Contatto facebook: Uber X Uber
Contatto YouTube: Uber Associazione